Un naso che cola in un bambino

Come tutti i genitori che hanno il tessuto possono attestare, un naso che perda è purtroppo molto comune nei bambini. Questo sintomo può essere dovuto a una serie di cause, tra cui una testa fredda, l’influenza, le allergie, un’infezione sinusale o un’altra malattia infettiva. Un oggetto straniero bloccato nel naso, come un fagiolo o un tallone, è anche comunemente da biasimare in questo curioso gruppo di età. La durata del naso e dei sintomi che accompagnano possono aiutare a determinare la causa.

Raffreddore e influenza

I freddi e l’influenza, o l’influenza, sono cause estremamente comuni di naso che cola nei bambini. I bambini piccoli prendono una media di 5-7 raffreddori ogni anno, segnalando il testo medico “Mandell, Douglas e Bennett’s Principles and Practice delle malattie infettive”. Con un naso che cola, un freddo spesso provoca starnuti, congestione nasale, tosse, mal di gola e bassa febbre. Un naso che scompare da un freddo è peggiore nei primi 4 ai 5 giorni e poi migliora. Nel caso di un bambino con l’influenza, un naso che cola viene spesso accompagnato da febbre alta, mal di testa, mancanza di energia, nausea, vomito o diarrea. L’influenza viene tipicamente più improvvisamente di un freddo e il bambino sembra più malato che con un semplice raffreddore. I bambini possono anche lamentarsi di gambe dolenti o resistere a camminare quando hanno l’influenza.

allergie

Le allergie nasali sono un’altra causa comune di naso che cola nei neonati. Un grande studio di 1.850 bambini ha trovato il 9 per cento ha avuto sintomi di allergie nasali per 18 mesi, come riportato nel febbraio 2011 nella rivista “Allergia”. Oltre a un naso che cola, le allergie causano spesso starnuti e congestione nasale. Possono verificarsi occhi rossi, pruriti o acquosi e lo sviluppo di cerchi scuri sotto gli occhi. Nei bambini, le allergie sono spesso osservate con eczema o asma. Nei bambini piccoli, le allergie nasali sono più frequentemente dovute a irritanti intorno alla casa, come ad esempio acari della polvere, muffa o animale domestico. Allergie stagionali dovute al polline nell’aria possono anche verificarsi, soprattutto nei bambini più anziani. A differenza di un raffreddore o dell’influenza, le allergie non causano febbre, nausea, vomito o diarrea. I sintomi di allergia in genere vengono e vanno improvvisamente e generalmente migliorano in quanto l’esposizione alle allergie diminuisce.

Oggetti Esteri

I bambini sono inclini ad attaccare piccoli oggetti nel naso e purtroppo gli oggetti possono bloccarsi. Ciò può causare scariche piene di puro o muco dal naso, tipicamente solo dalla narice interessata. Inoltre, può verificarsi un sanguinamento del naso, dolori nasali e difficoltà ad odorare o udire – anche se in molti casi il naso che cola è l’unico sintomo. Il bambino può anche iniziare a scegliere il lato coinvolto del naso. Mentre potresti vedere l’oggetto guardando il naso del bambino con una torcia elettrica, è meglio farlo togliere dal medico.

Tonsillite e Adenoidite

Le adenoidi e le tonsille sono tessuti del sistema immunitario nella parte posteriore del naso e della gola. Essi aiutano a proteggere dalle infezioni, ma talvolta diventano ingrandite e infiammate nei bambini. L’infiammazione delle adenoidi o delle tonsille può portare ad un naso persistente a scorrimento con spessore e scariche. Alcuni genitori sbagliano queste condizioni per un freddo che non va via. Altri sintomi che potrebbero indicare la tonsillite o l’adenoidite includono la respirazione della bocca, un suono nasale alla voce del bambino e il russare. Alcuni bambini con tonsille e / o adenoidi allargati sviluppano anche frequenti infezioni all’orecchio.

Altre malattie infettive

Mentre la maggior parte dei raffreddori vanno in 7 – 10 giorni, a volte portano ad un’infezione sinusale. Il primo tipoff è di solito che un freddo tipico non sta migliorando entro 10 giorni. Altri sintomi possono includere una tosse secca, tenerezza del viso, respiro cattivo o riapparizione di una febbre dopo la partenza iniziale nei primi giorni della malattia.Il primo stadio della tosse maliziosa può anche assomigliare molto a un raffreddore con un naso che cola, Starnuti e una lieve tosse. Mentre la malattia progredisce, si sviluppa una grave tosse hacker che può aiutare a differenziare questa infezione da altre possibili cause di naso che cola. La gola di Strep nei bambini può anche causare un naso che cola, oltre che dolorosa deglutizione, vomito, febbre E possibili dolori addominali. Una infezione da strep può talvolta portare a febbre scarlatta, che ottiene il suo nome dal brusco, rosso che si diffonde sul corpo. L’eruzione cutanea si presenta di solito da 1 a 2 giorni dopo una febbre e mal di gola, anche se talvolta si verifica prima di questi sintomi.

Mentre un naso che cola è comune nei bambini e di solito è dovuto ad un semplice raffreddore, questo sintomo è a volte un segno di una condizione più grave. Consultare il medico se il bambino ha un naso che non è migliorato entro 10 giorni o è accompagnato da un rash, un dolore alle orecchie o una febbre alta o incontrollabile. Se la tua bambina ha difficoltà respiratorie difficili o rumorose, una tosse grave o una sonnolenza insolita: sebbene ci siano tante tossicodipendenze e farmaci freddi, l’American Academy of Pediatrics raccomanda di non utilizzare questi prodotti nei bambini più giovani di età 6 a meno che il medico non ti imponga di dare uno di questi farmaci al proprio bambino.

Avvertenze e precauzioni