Può stressare un bambino di una donna incinta nel grembo?

Quasi tutte le donne sperimentano stress a un certo punto durante la gravidanza. Le alterazioni dell’umore e i disturbi emotivi sono una reazione completamente normale ai cambiamenti fisici, emotivi e di stile di vita associati alla gravidanza. Mentre i livelli normali di stress non sono probabili danneggiare la salute di una gravidanza, lo stress eccessivo può essere dannoso per la salute di un bambino non ancora nato.

Il cortisolo passa al bambino

Durante i periodi di stress emotivo, il corpo umano rilascia un ormone steroideo chiamato cortisolo. Gli scienziati medici legano i livelli più alti di cortisolo a osteoporosi, malattie cardiache, tono muscolare basso, depressione e obesità, secondo MayoClinic.com. Le donne in gravidanza che sperimentano lo stress possono passare il cortisolo in eccesso ai loro bambini in via di sviluppo. Uno studio dell’Università di Bristol pubblicato nel 2005 ha rilevato che le donne che hanno subito un’ondata grave nel terzo trimestre hanno dato origine a bambini con livelli di cortisolo più alti alla nascita. Questi problemi persistevano: 10 anni dopo, i figli di mamme stressati avevano ancora livelli di cortisolo più elevati rispetto alla maggioranza dei loro coetanei.

Nascita prematura

Uno stress significativo in gravidanza può causare gravi complicazioni. Secondo la marcia di Dimes, livelli di stress molto elevati possono aumentare il rischio di lavoro prematuro. I neonati nati praticamente hanno tassi molto più elevati di complicazioni a lungo termine e a breve termine, tra cui problemi respiratori, malattie digestive, morte improvvisa, disabilità di apprendimento e indebolimento dell’immunità. Il lavoro prematuro spesso porta ramificazioni pericolose per il bambino, quindi la riduzione dello stress durante la gravidanza è essenziale per la salute del bambino.

Basso peso alla nascita

I neonati a tempo pieno di mamme stressati possono essere sottopeso alla nascita, secondo la marcia di Dimes. Questa complicazione, nota come restrizione intrauterina di crescita o IUGR, può causare danni permanenti alla salute e allo sviluppo di un bambino. L’Associazione americana di gravidanza collega l’IUGR alla polmonite, allo zucchero nel sangue basso, alle malattie neurologiche, ai disturbi del sangue e ai ritardi nello sviluppo del motore. I neonati con basso peso alla nascita sono inoltre a rischio aumentato di ipossia, o bassa disponibilità di ossigeno, alla nascita.

Aumento del rischio di ADHD

Le donne che soffrono di stress durante la gravidanza sono più suscettibili di dare origine a bambini con disordine di iperattività (ADHD). Nel maggio 2011, la “Daily Mail” ha riferito che i bambini nati da madri gravemente sottoposti a stress sono stati più del doppio delle probabilità di essere “irregolari” all’età di 5 anni. I bambini le cui madri avevano un divorzio o il lutto durante la gravidanza erano sostanzialmente più inclini all’agitazione Problemi, esplosioni comportamentali, iperattività e altri sintomi di ADHD.

Lo stress durante la gravidanza è spesso inevitabile. Tuttavia, facendo scelte di stile di vita sano, le madri aspettative possono aiutare a prevenire molte delle complicanze associate allo stress durante la gravidanza. Le donne che si affrontano con stress correlato alla gravidanza devono evitare tutti i comportamenti nocivi, come i disturbi alimentari, il fumo e il bere, per evitare le complicanze associate allo stress. La Marcia di Dimes raccomanda anche tecniche di rilassamento come la meditazione e l’esercizio fisico per frenare gli effetti dello stress. Le donne in gravidanza che affrontano l’ansia dovrebbero contattare un consigliere o un fornitore di assistenza sanitaria primaria per aiutarti nella gestione di disturbi emotivi.

Prevenzione